Virus Zika e la microcefalia record in Brasile

Arrivano aggiornamenti dal mondo sull’epidemia dovuta al famigerato virus Zika. Ad evidenziarlo è Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,...

Arrivano aggiornamenti dal mondo sull’epidemia dovuta al famigerato virus Zika. Ad evidenziarlo è Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che riporta la notizia secondo cui sono più di 400 i casi di microcefalia dovuti al famigerato virus Zika confermati tra ottobre 2015 e gennaio 2016 in Brasile e 3.670 altri casi sospetti sono in esame, per come annunciato dal Ministero della salute brasiliano in data di ieri. Le autorità hanno detto di essere in grado di stabilire una connessione con il virus di Zika, fortemente sospettato di legami con la microcefalia, malformazione congenita che interessa figli nati con un cervello anormalmente piccolo per 17 pazienti. Il 30 gennaio, stati analizzati 4.783 casi sospettati, tra cui 709 sono stati scartati e 404 hanno avuto una diagnosi confermata, un aumento del 49,6% rispetto alla scorsa settimana, ha detto il ministero in un comunicato.

Il numero di casi sospetti è aumentati del 6,43% in una settimana.In confronto, solo 147 casi di microcefalia sono diagnosticati durante tutto l’anno 2014. Inoltre, 76 morti infantili sono stati segnalate, di cui 15 stavano soffrendo di microcefalia o altri segni di deterioramento del sistema nervoso, e il virus di Zika è stato diagnosticato in cinque di loro tessuto fetale. Cinquantasei casi sono stati analizzati e cinque sono stati respinti.In un neonato, qualsiasi circonferenza cranica minore o uguale a 33 cm è considerato come un possibile caso di microcefalia, che è poi confermata o invertito dagli esami.Dal aprile 2015, più di 1 milione di brasiliani hanno contratto il virus di Zika, che si diffonde in modo esponenziale in America Latina attraverso la zanzara Aedes aegypti, vettore anche di dengue, febbre gialla e la chikungunya.


Autore

Potrebbe interessarti...