INTER MILAN 2-2 Highlights e Pagelle Eurosport

Inter e Milan, primo derby completamente cinese nella storia del derby di San Siro, hanno dato vita ad una sfida pazzesca, con una rimonta rossonera completata...



INTER MILAN 2-2 Highlights e Pagelle Eurosport

Inter e Milan, primo derby completamente cinese nella storia del derby di San Siro, hanno dato vita ad una sfida pazzesca, con una rimonta rossonera completata all’ultimo secondo. La partita si è giocata alle 12:30 della vigilia di Pasqua, ieri, in diretta streaming.

Il derby cinese è terminato con il risultato di 2-2 dopo che l’Inter era andata in vantaggio con Candreva e Icardi. Il Milan rimette le cose a posto dal 38′ al 52′ della ripresa con un finale da brividi. Il punto serve solo ai rossoneri (in prospettiva Europa League) che restano sesti, due lunghezze davanti ai nerazzurri.

Inter Milan 2-2 tabellino

Marcatori Gol: 36’ Candreva (I), 44’ Icardi (I), 83’ Romagnoli (M), 97′ Zapata (M)

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Nagatomo; Gagliardini, Kondogbia; Candreva (91’ Biabiany), Joao Mario (80’ Murillo), Perisic (68’ Eder); Icardi. All. Pioli

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria (81’ Ocampos), Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Kucka (57’ Locatelli), Sosa (74’ Lapadula), Mati Fernandez; Suso, Bacca, Deulofeu. All. Montella

Arbitro: Daniele Orsato della Sezione di Schio. Note: ammoniti Kucka, Candreva, Handanovic, Gagliardini, Locatelli.

Video Inter Milan 2-2 YouTube

Pagelle Inter Eurosport

Samir HANDANOVIC 7 Decisivo in diverse occasioni e se l’Inter trova il vantaggio e lo mantiene per un pezzo lo deve sostanzialmente a lui. Ingaggia un duello personale con Deulofeu, e lo vince lui.

Danilo D’AMBROSIO 5,5 Deulofeu è una scheggia impazzita, lui non lo vede mai. Prova a scuotersi supportando Candreva in attacco, e la loro intesa è collaudata.

Gary MEDEL 6,5 Bacca non fa paura, se non in apertura di partita. Lui raccoglie le bucce di Miranda ed insieme puliscono il tavolo alla perfezione per praticamente tre quarti di partita.

Joao MIRANDA 7 Insuperabile, specialmente per quel fantasma di Carlos Bacca che contro di lui non la vede mai. Forse l’avversario diretto gli facilita il compito.

Yuto NAGATOMO 6 Non giocava dal 28 gennaio ma si comporta oltre ogni aspettativa. Disinnesca Suso con sacrificio.

Roberto GAGLIARDINI 6 Errore grave quello che apre al primo contropiede del Milan. Non sembra sereno, poi però riesce a redimersi con il lancio che apre al gol di Candreva. Da qui in poi si sblocca, salvo calare nuovamente nel finale.

Geoffrey KONDOGBIA 7 Giganteggia a metà campo contro una mediana rossonera che è tutt’altro che dinamica. E’ reattivo e sempre presente, si comporta meglio e con più personalità rispetto a Gagliardini.

Antonio CANDREVA 6,5 De Sciglio è un fantasma e lui non poteva sperare in un inizio migliore di partita, ara la fascia e trova sempre spazio per affondare. Cala in maniera vistosa nel secondo tempo, senza trovare mai lo strappo. (dal 90′ Jonathan BIABIANY sv)

Joao MARIO 6,5 Upgrade importante rispetto a Banega, è molto più dinamico e l’Inter negli ultimi trenta metri ne guadagna parecchio. Mossa azzeccata di Pioli che gli dà ragione per tre quarti di partita. (dall’80 Jeison MURILLO sv)

Ivan PERISIC 7 Calabria è un cliente più ostico del previsto in partenza, perché attacca e lo costringe al ripiegamento. Lui però ci mette poco a prendegli le misure, lo cuoce a fuoco lento e sul secondo gol se lo mangia. In campo aperto con Icardi è uno spettacolo, esce per un problema al ginocchio e l’Inter perde profondità. (dal 68’ EDER 5 Sbaglia tutto ciò che può sbagliare. Ingresso in campo orribile).

Mauro ICARDI 6,5 Dopo un primo tempo passato fuori dal gioco, trova il gol del raddoppio ed il suo tanto agognato primo sigillo in un derby. Alla fine un vero attaccante fa così, viene fuori quando serve. Solo che nel secondo tempo combina davverpo poco.

Allenatore Stefano PIOLI 6 Un primo tempo attento, cinico, cestinato poi da una seconda parte di match gestita molto male. A questa Inter manca sempre un centesimo per fare un euro, però lui l’aveva preparata bene.

Pagelle Milan Eurosport

Gianluigi DONNARUMMA 5,5 Non ha mai il piede caldo e non è una novità, i compagni non lo aiutano. Rimane a metà strada sul gol di Candreva, e viene punito.

Davide CALABRIA 5,5 Ha coraggio a farsi vede in avanti ma soffre clamorosamente Perisic in difesa, sul raddoppio è un birillo che il croato salta con sorprendente facilità. Ha cuore ma anche dei limiti, che Perisic fa emergere in modo disarmante. (dall’81’ Lucas OCAMPOS sv)

Cristian ZAPATA 7 Mette in difficoltà Donnarumma con una serie di retropassaggi però sembra quello più centrato della retroguardia rossonera. Copre sempre con precisione e si prende una licenza poetica nel finale, andando a segnare il gol del pareggio.

Alessio ROMAGNOLI 7 Contiene Icardi con buon costrutto per tutto il primo tempo, poi si dimentica di farlo nel finale e viene preso in mezzo nell’azione del 2-0. Soffre di meno nella ripresa, prende coraggio e va a riaprire la partita. Con qualche errore, dimostra grande personalità.

Mattia DE SCIGLIO 4 Disastroso. Assolutamente disastroso nell’occasione del vantaggio nerazzurro, si addormenta e libera la strada a Candreva. È regredito in maniera inspiegabile. E sbaglia anche sul secondo gol, quando non segue il movimento di Icardi alle spalle di Romagnoli.

Juraj KUCKA 4,5 Molle, lento, inconcludente, prevedibile. Peggio non poteva fare. (dal 56′ Manuel LOCATELLI 7 Entra con voglia di fare e cambia volto al Milan, che riprende la partita con la spavalderia e la faccia tosta del ragazzino)

Jose Ernesto SOSA 6 Più reattivo del solito, dinamico ed energico forse oltre le sue caratteristiche. Perde un po’ in fase di regia, chiude sulle ginocchia. (dal 74′ Gianluca LAPADULA 6)

Mati FERNANDEZ 6,5 Nel primo tempo, tiene in piedi da solo una mediana che viene spesso saltata dalla manovra. Ci mette tanta grinta e regge a buoni ritmi fino alla fine.

Jesus SUSO 5,5 Accende la luce a tratti ma viene servito con il contagocce e soprattutto viene ingabbiato, raddoppiato e a tratti triplicato in maniera sistematica. Nel finale dai suoi corner nascono i due gol, questo merito gli va riconosciuto.

Carlos BACCA 4,5 Pronti-via, si mangia un gol. Non è un elemento attivo nella manovra, vive sui palloni sporchi e sugli spiragli della difesa nerazzurra ma non fa tanta paura. Medel e Miranda lo limitano senza sudare troppo, per il Milan è un uomo in meno. Nel Milan del futuro, servirà un attaccante diverso. La sponda finale per Zapata è sua, piccola soddisfazione in una brutta partita per lui.

Gerard DEULOFEU 7 Imprendibile, ha un passo diverso rispetto a tutti gli altri giocatori in campo. Però questa superiorità va concretizzata, serve fare gol, ma nonostante ciò la sua prestazione è incredibile.

Allenatore Vincenzo MONTELLA 6,5 Forse Lapadula viene inserito troppo tardi se si vuole cercare l’assalto, mentre Locatelli poteva meritarsi una maglia da titolare. Però il suo Milan ha un cuore ed un’anima e la rimonta finale lo dimostra perfettamente.

Inter Milan 2-2, i commenti dei protagonisti

“Non ci sono tante parole da dire dopo un finale cosi’. Si poteva essere piu’ lucidi, sul 2-0 onestamente abbiamo subito poco e solo su calcio piazzato, da dove sono arrivati i gol del pareggio”. Questa l’analisi di Antonio Candreva, ai microfoni di Inter Channel, dopo l’incredibile 2-2 nel derby con il Milan. “Siamo amareggiati, delusi, mancano delle partite e dobbiamo dimostrare di essere ancora vivi e che non e’ perso nulla. Dovremo ricaricare le pile”, spiega l’esterno nerazzurro che ha siglato il gol del momentaneo 1-0. “Nel secondo tempo con la Sampdoria e nel primo col Crotone non siamo scesi in campo, oggi, invece – conclude Candreva – la prestazione c’e’ stata ma rimane il dispiacere per il pareggio subito nel finale in modo rocambolesco, dispiace”.

Il nuovo presidente del Milan, Li Yonghong, ha festeggiato negli spogliatoi con la squadra il pareggio raggiunto all’ultimo secondo nel derby, che tiene l’Inter a due punti di distanza e avvicina la qualificazione all’Europa League. Il cinese, il suo braccio destro David Han Li, e l’ad Marco Fassone si sono congratulati con la squadra e hanno posato per una foto ricordo assieme ai giocatori, in festa per un risultato importante, come si evince dallo scatto pubblicato sul profilo Twitter del club rossonero.

“Forse e’ mancata anche un po’ di fortuna. Credo che abbiamo fatto una buona prima meta’, nella seconda abbiamo cercato di controllare la partita, ma abbiamo permesso loro il pareggio e adesso non possiamo farci niente”. Cosi’ l’interista Joao Mario, ai microfoni di Sky, ha spiegato cosa sia successo all’Inter che era avanti 2-0 e si e’ fatta rimontare fino al 2-2 finale dal Milan. Adesso arrivano partite difficile e il morale, forse, non aiuta. “Noi siamo l’Inter e abbiamo tante qualita’ e ci dobbiamo provare. Non e’ che abbiamo paura di giocare contro Fiorentina e Napoli che, sicuramente, sono delle buone squadre, ma noi siamo l’Inter e dobbiamo dimostrarlo”.


Scritto da: · Data aggiornamento: 16 aprile 2017

Potrebbe interessarti...