Cosa succederebbe se Nakamoto decidesse di vendere i suoi Bitcoin?

Cosa potrebbe accadere se l'enigmatico creatore del Bitcoin decidesse di vendere tutti i suoi BTC? Panico sul mercato? Erosione della fiducia? Riequilibrio della ricchezza? Ripresa?




satoshi nakamoto bitcoin

Nonostante alcuni anni un po’ delicati per il prezzo del Bitcoin, il 2024 è iniziato con il piede giusto, consolidando nuovamente questa criptovaluta come uno degli asset più preziosi al mondo, con una capitalizzazione di mercato che supera il trilione di dollari.

Satoshi Nakamoto, l’enigmatico pioniere dietro al Bitcoin, si crede abbia accumulato tra 1 e 1,1 milioni di BTC nei primi giorni della rete, il che pone il suo patrimonio netto a circa 51 miliardi di dollari. Se fosse considerato nella lista dei miliardari di Forbes, Nakamoto sarebbe tra le persone più ricche del mondo.

Tuttavia, a differenza di altri miliardari la cui ricchezza è legata alle azioni di aziende come nel caso di Elon Musk, ad esempio, quella di Nakamoto è dispersa in migliaia di portafogli di Bitcoin.

Ma, cosa succederebbe se Nakamoto decidesse di vendere i suoi Bitcoin? Sebbene questa possibilità sia puramente speculativa, potrebbe avere un impatto sul mercato che supererebbe tutto.

Cosa succederebbe se Satoshi decidesse di vendere tutti i suoi Bitcoin? 4 scenari possibili

Dato che ha bitcoin minati nei primi giorni della criptovaluta, la sua vendita di massa potrebbe generare un vero e proprio terremoto sul mercato, con il potenziale di provocare un crollo del prezzo mai visto prima, prima ancora che egli venda il 100% di quanto ha accumulato.

Tuttavia, è ora di andare per gradi perché potrebbero presentarsi fino a quattro scenari diversi se ciò dovesse realmente accadere:

Scenario 1: panico sul mercato e crollo dei prezzi

È chiaro che questo è ciò che probabilmente accadrebbe inizialmente. Alla fine, questa reazione di panico è giustificata per due motivi: la massiccia quantità di Bitcoin che entrerebbe improvvisamente sul mercato e il simbolismo dietro l’azione del suo creatore che si disfa della moneta.

Quando una grande quantità di un prodotto di base viene introdotta improvvisamente sul mercato, si può osservare un calo del prezzo, che è ciò che accadrebbe nel caso del Bitcoin.

Scenario 2: erosione della fiducia e della credibilità

Il movimento di Satoshi Nakamoto nel voltare le spalle a questa criptovaluta potrebbe anche portare a una crisi di fiducia in generale. Satoshi è una figura sconosciuta ma molto influente nella comunità, e se lui non ha fiducia nella criptovaluta, potrebbe essere interpretato come una mancanza di fede nella sua stessa creazione.

Scenario 3: riequilibrio nella distribuzione della ricchezza di Bitcoin

Una conseguenza positiva, se si può trovare qualche beneficio in tutto questo, sarebbe un riequilibrio nella distribuzione della ricchezza all’interno dell’economia della criptovaluta. Attualmente, una grande parte di essa è concentrata in un piccolo gruppo di utenti. Se vendesse la sua parte, ciò sarebbe eliminato, il che potrebbe promuovere un ecosistema più distribuito e alla fine equo.

Scenario 4: ripresa e resilienza del mercato

Nonostante il calo iniziale e il possibile panico, il mercato delle criptovalute sicuramente si riprenderebbe. Nel corso degli anni, Bitcoin ha dimostrato una grande resistenza all’avversità data il suo valore e la sua longevità, quindi probabilmente supererebbe l’ostacolo.

Certamente, le cose per il settore e in particolare per questa criptovaluta non sarebbero affatto facili. Sebbene sia impossibile prevedere cosa accadrebbe realmente, è chiaro che qualsiasi movimento da parte di Nakamoto avrebbe conseguenze che molti probabilmente non vorrebbero vivere.



Scritto da: · Data aggiornamento: 28 Febbraio 2024

Potrebbe interessarti...