Tragedia Calcio: muore in Brasile il figlio di Cafu che Totti ha visto crescere

All’improvviso è caduto in campo: Danilo Feliciano è morto per arresto cardiaco. Ancora una tragedia, sconvolge il mondo del calcio questa volta in Brasile....




Tragedia Calcio: muore in Brasile il figlio di Cafu che Totti ha visto crescere.

All’improvviso è caduto in campo: Danilo Feliciano è morto per arresto cardiaco. Ancora una tragedia, sconvolge il mondo del calcio questa volta in Brasile. Danilo 29enne figlio dell’ex stella del calcio brasiliano Cafu (soprannominato il Pendolino) è morto mercoledì sera nella regione di Sao Paolo durante una partita di calcio. Non ha resistito nonostante i lunghi tentativi per rianimarlo prima in campo poi all’ospedale, dove era stato trasportato d’urgenza.

Il ragazzo stava partecipando a una partita organizzata in occasione del compleanno di sua sorella, quando a un certo punto si è sentito male ed è caduto sul terreno di gioco.

Danilo Feliciano è stato immediatamente trasportato d’urgenza all’ospedale più vicino, per poter continuare le manovre di rianimazione che altrimenti avrebbero dovuto essere sospese, ma ha subìto un secondo fatale arresto cardiaco. Non risulta che il 29enne soffrisse di particolari patologie.

Tanti i messaggi di cordoglio apparsi anche sui social

Alex Del Piero su Twitter: “Caro Marcos tutte le parole del mondo non possono colmare il vuoto che ora avverti ma ti arrivino il mio abbraccio più forte e quello della grande Famiglia del calcio per darti affetto e consolazione. Riposa in pace Danilo”.

Francesco Totti su Instagram: “L’ho visto crescere… non è possibile!!! Ti sono vicino amico mio con tutto il cuore. Riposa in pace Danilo”.

Gabriel Batistuta (ha giocato con Cafu nella Roma) su Twitter: “Sono vicino a Cafu e alla sua famiglia in questo momento difficile. Danilo riposi in pace”.

Roberto Mancini, ha twittato: “Non ci sono parole che possano alleviare il tuo dolore.

Un grande abbraccio, ti sono vicino!#Cafu”.

Giuseppe Falcao: “Conobbi Danilo ad una festa di un Roma Club nell’anno dello scudetto. Un bambino simpatico ed allegro. Si affezionò a me. “Papà papà, lui è il figlio di…”. Poi mi invitò a casa sua giorni dopo al suo compleanno. Un grande dolore. Un abbraccio a Cafu e a Regina”.

Eusebio Di Francesco sui social: “Giocavi e correvi dietro ad un pallone sul campo di Trigoria. Eri un bambino felice e così voglio ricordarti. Ciao Danilo, riposa in pace. Un forte abbraccio a Marcos Cafu, a tutta la famiglia, vi sono vicino”.

Ricordiamo che nella sua carriera il padre di Danilo (Marcos Evangelista de Moraes chiamato Cafu) ha conquistato numerosi trofei fra cui due Mondiali e due edizioni della Copa America con il Brasile, due Libertadores con il Sao Paolo e una Champions League con il Milan. Cafu aveva tre figli, e in Serie A ha giocato per ben undici stagioni, dal 1997 al 2008: prima con la maglia della Roma, con cui ha collezionato 218 presenze, e poi con quella del Milan (166 partite disputate).

Una morte che riporta alla memoria altre tragedie recenti nel mondo del calcio, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”. L’ultima di una lunga lista di calciatori che questa vita ha strappato presto, troppo presto, ai suoi cari e allo sport.


Scritto da: · Data aggiornamento: 6 Settembre 2019

Potrebbe interessarti...