Tatuaggi e discriminazioni sul Lavoro: In Italia ancora un tabù

Presentarsi ad un colloquio di lavoro non è mai facile, ma per coloro che sono tatuati diventa una vera e propria incognita perché troppo spesso un innocuo tattoo...





Tatuaggi e discriminazioni sul lavoro: In Italia ancora un tabù.

Presentarsi ad un colloquio di lavoro non è mai facile, ma per coloro che sono tatuati diventa una vera e propria incognita perché troppo spesso un innocuo tattoo può rappresentare una vera e propria barriera per la conquista della tanta agognata nuova occupazione.

Qualunque sia l’impiego ambito, bancario o commesso, cameriere o manager, è più che probabile che ciascuno di noi tenga ben nascosto sotto la camicia il tatuaggio che dall’avambraccio si allunga verso il polso: per fare buona impressione, almeno la prima. Poi, buona fortuna. La paura di essere giudicati negativamente, e in questo modo perdere opportunità professionali, è ancora grande; e spesso tutt’altro che infondata.

Eppure, qualcosa pare proprio stia cominciando a cambiare.

Se negli Usa, infatti, iniziano addirittura a venire apprezzati; tanto che non solo il 40% dei giovani li sfoggia, ma anche il 20% degli adulti, per esempio in Giappone costituiscono ancora un vero e proprio tabù in certi luoghi, dove addirittura nella maggior parte delle piscine permane il divieto d’ingresso, a meno di riuscire a coprire i tatuaggi con un cerotto.

In Italia, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la situazione non è molto cambiata nel corso degli anni e la presenza di un tatuaggio ben visibile rimane ancora un elemento di valutazione negativa in molti ambiti, specialmente in quelli nei quali è importante il rapporto con l’utenza o la clientela.

Una scriminante non tollerabile in un paese civile che non può che essere combattuta sul piano sociale, stante la discrezionalità che i datori di lavoro possono opporre al momento dell’assunzione.

È chiaro però che un’eventuale mancata conferma nel posto di lavoro a seguito del periodo di prova o un licenziamento sol perché si era nascosto il tattoo sotto la camicia potrà essere motivo d’impugnazione innanzi al giudice del lavoro per violazione del principio di non discriminazione.


Scritto da: · Data aggiornamento: 14 agosto 2018

Potrebbe interessarti...