Prénatal ritira dal mercato cancelletto per bambini

Il RAPEX (Rapid Alert System for non-food consumer products), il sistema di allerta rapido all’interno della UE sui prodotti di consumo pericolosi, ha annunciato...





Il RAPEX (Rapid Alert System for non-food consumer products), il sistema di allerta rapido all’interno della UE sui prodotti di consumo pericolosi, ha annunciato la misura ordinata dalle autorità pubbliche (Avviso numero: A12/1757/16) del ritiro dal mercato di un articolo di puericultura e attrezzatura per bambini. Nello specifico si tratta del cancelletto di sicurezza per bambini “Prénatal traphek hout” della Prénatal modello Minerva 71-102 cm; typenummer: 2-201500705 codice a barre: 8717568073002. Sembra infatti che l’articolo metta in pericolo l’incolumità dei bambini.
Più precisamente, c’è il pericolo che i bambini rimangano intrappolati con la testa tra le sbarre, che sono troppo larghe, causando difficoltà respiratorie o strangolamento. Inoltre, il cancello di sicurezza ha gli angoli sporgenti dove le vesti di un bambino potrebbero impigliarsi, causando lo strangolamento ed inoltre non è sufficientemente alto: un bambino può salire su di esso e cadere.

Il richiamo del prodotto dai consumatori, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stato avviato in quanto non conforme alla norma tecnica europea EN 1930. Alle persone che hanno acquistato questo prodotto si consiglia di sospenderne subito l’utilizzo e di riportarlo al punto accoglienza del negozio Prénatal di riferimento. Il rischio costituito dalla larghezza delle sbarre non è sottovalutabile. Infatti, le aperture tra le barre sono troppo distanziate fra di loro e lo spazio, che c’è tra di esse, è troppo largo. Per tale motivo, a rischio è dunque l’incolumità per i bambini di pochi mesi. Mentre giocano, infatti, potrebbero infilare la testa all’interno e rimanerci incastrati rischiando il soffocamento. Così come potrebbero incastrarsi anche braccia e gambe o cadere perchè non sufficientemente alto.


Scritto da: · Data aggiornamento: 26 dicembre 2016

Potrebbe interessarti...