Nazionale Ventura verso Russia 2018: FIGC soddisfatta

Michele Uva a Tutti Convocati su Radio 24: Posizione Ventura mai in discussione, Figc soddisfatta del percorso Nazionale. “Posizione Ventura assolutamente mai...





Nazionale Ventura verso Russia 2018: FIGC soddisfatta

Michele Uva a Tutti Convocati su Radio 24: Posizione Ventura mai in discussione, Figc soddisfatta del percorso Nazionale.

“Posizione Ventura assolutamente mai in discussione, è una cosa che vado ripetendo da vari giorni, non c’è assolutamente nessun problema”. Così Michele Uva  Vicepresidente UEFA interviene a Tutti convocati su Radio 24 dopo l’incontro della nazionale con l’Albania e aggiunge: “ Siamo un popolo di commissari tecnici, ognuno di noi ha le sue convocazioni, ognuno ha il so schema di gioco, ma la Federazione ha intrapreso un percorso di cui è soddisfatta, ovviamente ci sono cose da tarare, da migliorare, questo fa parte non solo del lavoro tecnico, ma anche quello organizzativo, gestionale. Dopo la gara di Torino, contrariamente a diversi pensieri, ieri si è visto già il primo risultato nell’approccio, nell’atteggiamento di tutti, tutti dobbiamo fare un passo in avanti e uno laterale, avanti per crescere e laterale per aiutare chi si ha di fianco perché comunque ci sono personalità forti e meno forti, non parlo solo di squadra, di allenatore, di staff tecnico ma parlo di tutta la struttura organizzativa che è a supporto della Nazionale”.

Michele Uva a Tutti Convocati su Radio 24: Frattura Ventura-senatori? Spiace ci sia questa sensazione. Cambiare ct ora sarebbe deleterio.

“Assolutamente non ci passa per la testa nessun tipo di messa in discussione dell’allenatore, che in questo momento sarebbe deleterio. Non c’è spaccatura assolutamente fra gruppo e allenatore – io quando parlo di allenatore parlo di staff tecnico. Assolutamente no, c’era probabilmente la necessità, come dicevo prima, di fare un passo avanti, tutti, perché l’Italia deve comunque essere sempre l’Italia, in campo e fuori”. Cosi Così Michele Uva  Vicepresidente UEFA interviene a Tutti convocati su Radio 24 chiarisce la situazione dello spogliatoio azzurro e chiarisce: “Mi dispiace che sia una sensazione esterna, dall’interno assolutamente non vedo, non percepisco, ma non perché non abbia un occhio attento, anzi, in questi ultimi quattro-cinque giorni l’ho avuto molto attento e mi permetto anche di dire che l’esperienza di Oriali, anche la mia esperienza in club gestiti in passato mi permette di conoscere bene le dinamiche di uno spogliatoio, di un gruppo.”.

Michele Uva a Tutti Convocati su Radio 24: Per Ventura calcio italiano è povero? Rispetto suo pensiero ma non lo condivido.
Cambio generazionale fa pagare dazio.

“Non vado sulle parole del CT né tantomeno mi permetto, se per lui (il calcio italiano n.d.r.) è povero, rispetto il suo punto di vista.” Cosi Così Michele Uva  Vicepresidente UEFA interviene a Tutti convocati su Radio 24 commenta le parole del CT che ha definito povero il calcio italiano e spiega: “ Secondo me non lo è perché vedo, osservo tutta la filiera diciamo delle squadre giovanili dove c’è talento: la Nazionale under 19 si è qualificata per l’elite round con un turno di anticipo. Quindi oggettivamente non vedo questa povertà. Piuttosto c’è bisogno di un cambio generazionale, questo è anche vero, probabilmente abbiamo avuto otto anni di buco, ma è un buco diciamo che può essere anche dovuto , non solo al lavoro fatto sulle nazionali, ma anche probabilmente succede nei cicli, e i nuovi gruppi – che vuol dire i ragazzi dai 23 anni in giù – sono gruppi ricchi di talento, ricchi anche di esperienza perché ricordiamo la federazione investe 35 milioni di euro l’anno su tutte le nazionali maschili e femminili, è uno dei più grandi investimenti in assoluto che la federazione fa”. Michele Uva poi sottolinea ancora a Radio 24: “ Non c’è povertà di talento: c’è bisogno solo di lavorare con metodologia, l’ha impostata Sacchi, l’ha continuata Conte e adesso tocca a Ventura, e Viscidi e al presidente Ulivieri coordinarle. Io sarei fiducioso per il futuro, bisogna aver pazienza e capire che c’è un momento in cui il cambio generazionale probabilmente ti fa pagare dazio”.

Michele Uva Michele Uva a Tutti Convocati su Radio 24: Ora tutti compatti con obiettivo Mondiali, andarci sarebbe successo di un’intera nazione non del singolo.

“Da qui a novembre manca un mese ed è un mese dove l’Italia, noi tutti, tutta una nazione deve seguire un percorso, uniti compatti, si capisco che c’è la voglia di criticare e questa è ben accetta ma l’importante poi è che sia costruttiva perché andare al Mondiale è successo di un paese non è il successo ne di una persona ne tantomeno di una Federazione”. Cosi Così Michele Uva  Vicepresidente UEFA interviene a Tutti convocati su Radio 24.

Scritto da: · Data aggiornamento: 10 ottobre 2017

Potrebbe interessarti...