Al via il primo spray nasale al mondo contro il Coronavirus

Un nuovo spray nasale come nuovo barlume di speranza alla fine del lungo tunnel della pandemia? Forse perché uno spray nasale chiamato “Enovid” sviluppato in Canada da una startup biotecnologica canadese e prodotto in Israele si dice che...




Un nuovo spray nasale come nuovo barlume di speranza alla fine del lungo tunnel della pandemia? Forse perché uno spray nasale chiamato “Enovid” sviluppato in Canada da una startup biotecnologica canadese e prodotto in Israele si dice che riduca la carica virale nei casi confermati di Covid-19 del 95% in 24 ore e del 99% in 72 ore. Test clinici in Gran Bretagna lo avrebbero dimostrato.

“Enovid fornisce una barriera fisica e chimica per proteggersi dai virus. Enovid rilascia una piccola dose di ossido nitrico (NO), una nanomolecola naturale con comprovate proprietà antimicrobiche, anche contro SARS-CoV-2 ,il virus che causa il COVID-19. Quindi i virus nei passaggi nasali vengono uccisi”, afferma il comunicato stampa dell’azienda produttrice Sanotize.

Commercializzato come “igienizzante per le mani per il naso“, i test di laboratorio Enovid di SaNOtize  hanno scoperto che può uccidere il 99,9% dei virus vivi in due minuti. “Quando è stato messo in vendita questo mese, la sua fornitura iniziale è stata esaurita in due giorni dalle farmacie israeliane”, afferma il co-fondatore di SaNOtize, il dott Gilly Regev.

Con interesse per Enovid da tutto il mondo, SaNOtize si prepara ad espandere la produzione. Regev prevede che il prodotto sarà approvato per la vendita in molti altri paesi nei prossimi mesi, afferma. Secondo il produttore, “Enovid” può essere utilizzato fino a cinque volte al giorno dopo il contatto con i virus. È approvato per le persone dai 12 anni in su.

Ogni bottiglia, che costa circa 42 dollari, contiene spray nasale sufficiente per un adulto da usare due volte al giorno per un mese.

La Nuova Zelanda ha anche concesso alla preparazione un’approvazione limitata nel tempo per la vendita. Con la diffusione della variante delta, Enovid potrebbe offrire una soluzione promettente per rallentare la trasmissione tra persone vaccinate e non vaccinate. “Dato l’attuale aumento delle infezioni dovuto alla minore efficacia del vaccino con la variante Delta, la combinazione dello spray nasale con il vaccino fornirà alle persone una protezione molto maggiore”, ha affermato Regev.

SaNOtize non ha ancora testato Enovid specificamente sulla variante Delta. Regev, tuttavia, si aspetta che lo spray nasale funzioni contro di esso. “È un comune antivirale. L’abbiamo testato per l’influenza, l’abbiamo testato per il rinovirus, l’abbiamo testato per l’RSV”, afferma. “Funziona con tutti questi virus e le loro varianti. Non c’è assolutamente motivo di credere che non sarà efficace neanche contro la variante Delta”.

Regev vede lo spray antivirale nasale come parte di una tipica routine di igiene, proprio come ha fatto il disinfettante per le mani. “Alcune persone lo useranno solo quando sono con molte persone su un volo, a un concerto o su un treno, ma alcuni lo adotteranno davvero come routine quotidiana per non ammalarsi”. Avendo usato lui stesso lo spray nasale negli ultimi anni, Regev aveva prove aneddotiche della sua efficacia prima degli studi clinici. “Mi ammalavo dopo ogni volo. Ho appena iniziato a usarlo come routine quando sono salito e sceso dall’aereo e ho smesso di ammalarmi “, afferma lo scienziato.



Scritto da: · Data aggiornamento: 27 Luglio 2021

Potrebbe interessarti...