Importanza semi dell’anguria, fonte di fibre, sali minerali, proteine e grassi

Direttamente dalla natura arrivano alcune risposte alla domanda di salute che spesso vengono confortate anche dagli studi della medicina. Esistono, infatti, piante e frutti che possono apportare benefici sufficientemente conclamati anche a livello della...




FOTO Importanza semi dell'anguria, fonte di fibre, sali minerali, proteine e grassi

Direttamente dalla natura arrivano alcune risposte alla domanda di salute che spesso vengono confortate anche dagli studi della medicina. Esistono, infatti, piante e frutti che possono apportare benefici sufficientemente conclamati anche a livello della ricerca scientifica.

L’anguria è un frutto estivo dissetante e dai tanti benefici, ideale come spuntino a metà giornata. Spesso però quando si mangia l’anguria si tende ad eliminare i semi: i semi dell’anguria sono invece commestibili e ricchi di sostanze nutritive. Ai semi di tale frutto sono sempre state attribuite virtù benefiche e curative in quanto ricchi di sali minerali e poi di vitamine che tengono a bada i radicali liberi e i grassi. Come i semi di girasole o di zucca “, la componente principale della buccia di semi di anguria è la fibra, e il seme è dentro e fuori ricco di nutrienti tanto da essere un piccolo scrigno contenente valori nutrizionali eccellenti “, dice Lafuente Cristina Gomez, dietista e nutrizionista di fama internazionale, che specifica che, nel caso del cocomero “, sono particolarmente rilevanti il magnesio (515 mg / 100 g) e oligoelementi quali zinco (10,2 mg / 100 g) e manganese (1,6 mg / 100 g), “.

Inoltre, aggiunge, fornisce proteine ​​(28,3 g / 100 g) e grassi (47,4 g / 100 g), soprattutto polinsaturi (28,1 g / 100 g).

I semi possono essere mangiati direttamente insieme all’anguria. Oppure si possono essiccare secondo la tradizione orientale, oppure possono essere macinati e utilizzati per i prodotti della panificazione (pane, biscotti e torte), per preparare bevande energetiche e fortificanti, o utilizzata come ingrediente di “rinforzo” in alimenti tradizionali come yogurt, latte e derivati, carni e pesce.

Si evidenzia che se masticati freschi hanno un effetto lassativo e sono poco digeribili, quindi la loro assunzione deve essere ridotta “ad un manipolo alla settimana, ed è bene quindi non esagerare. E se la scienza conferma, non possiamo che elogiarne le proprietà e consigliare di aggiungere i semi di anguria anche nella dieta degli italiani.


Scritto da: · Data aggiornamento: 14 Giugno 2015

Potrebbe interessarti...