Cyberbullismo in aumento in Italia. Come difendersi? Cosa fare in caso di Emergenza

La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Niccolò Cusano ha condotto uno studio per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’attuale fenomeno...

Cyberbullismo in aumento in Italia. Come difendersi? Cosa fare in caso di Emergenza.

La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Niccolò Cusano ha condotto uno studio per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’attuale fenomeno del Cyberbullismo e per fornire agli interessati gli strumenti per difendersi.

Dallo studio emerge che a livello mondiale l’Italia si trova al nono posto, con in testa il Nord-Est, in cui il 35% degli intervistati afferma di aver subito atti di bullismo qualche volta l’anno e ben il 24% una o più volte al mese. Le isole, invece, sono le meno colpite, infatti il 12% afferma di aver subito atti di bullismo una o più volte al mese e il 37% qualche volta l’anno.

In seguito ad una panoramica geografica, l’infografica (link) spiega i modi in cui difendersi da tali atti e i numeri da chiamare in caso di emergenza.

L’indagine dell’Università Niccolò Cusano ha analizzato anche i comportamenti con cui i cyberbulli intimoriscono, molestano, mettono in imbarazzo, fanno sentire a disagio o escludono le loro vittime e i futuri scenari normativi.

Come difendersi? (link foto) Innanzitutto non fornendo dati sensibili online, non accettando appuntamenti con qualcuno conosciuto in rete, non postando foto in atteggiamenti provocanti, ma anche e soprattutto non rispondendo mai alle provocazioni e agli insulti. In caso di emergenza è consigliabile chiamare telefonicamente Emergenza Infanzia al numero 114 o il Telefono Azzurro, il quale dispone anche di un’applicazione Facebook per chiedere aiuto.


Autore

Potrebbe interessarti...