Sicurezza alimentare: Ritirate le confezioni di “TONNO IN SCATOLA ALL’OLIO DI GIRASOLE INSUPERABILE” per livelli massimi di Cadmio

Il sistema di allerta rapido della Regione Valle d’Aosta segnala il ritiro dagli scaffali dei supermercati di tutta Italia di un lotto di TONNO IN SCATOLA ALL’OLIO...

Il sistema di allerta rapido della Regione Valle d’Aosta segnala il ritiro dagli scaffali dei supermercati di tutta Italia di un lotto di TONNO IN SCATOLA ALL’OLIO DI GIRASOLE “INSUPERABILE” gr 180 –distribuito dal grossista: Ditta DE LANGLADE & GRANCELLI Z.I. Loc. Incoronata 71122 Foggia. Si tratta del Lotto n. 52 TMC entro il 2019. Gli esercizi interessati in Valle D’Aosta sono LA NATURA CREA DI VICARI MARVI V DUCA D’AOSTA VERRES, IL VIANDANTE DI PAONESSA MIRKO V CARLO VIOLA 19/B PONT SAINT MARTIN, IL BARBATRUCCO V STAZIONE 28 HONE, ANSECO DI CORALLINI E FILIPPA V DEFFEYES 14 GRESSONEY SAINT JEAN, ROUGE ET NOIR S.N.C. DI CRESTA FRAZ CLAPEY 25 ARNAD. Il motivo del ritiro per la presenza nel prodotto di  livelli massimi di Cadmio superiore ai limiti di legge. Il cadmio è uno dei metalli che come l’arsenico, il piombo e il mercurio rientra tra i composti chimici che si trovano in natura. L’esposizione ai contaminanti, benché sgradita, non può essere evitata. Pertanto l’EFSA, nell’ambito delle proprie valutazioni del rischio sui contaminanti negli alimenti, laddove possibile (cioè quando si dispone di sufficienti informazioni), stabilisce una dose giornaliera tollerabile (DGT) o

settimanale (DTS) per tali sostanze. La fonte principale di esposizione al cadmio, per la popolazione in genere, ad eccezione dei fumatori, è rappresentata dagli alimenti. Le maggiori concentrazioni di cadmio si sono riscontrate in prodotti quali le alghe marine, il pesce e i frutti di mare, il cioccolato e gli alimenti per usi dietetici speciali, nonché in funghi, semi oleosi e frattaglie commestibili. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, avvisa, a scopo precauzionale, i consumatori che avessero acquistato il prodotto a non consumarlo e contattare i Carabinieri NAS o la ASL competente per territorio. Mentre consiglia alle persone che presentano sintomi di intossicazione di consultare subito un medico.


Autore

Potrebbe interessarti...