Scoperto l’elisir di lunga vita nel Melograno

Secondo uno studio del Politecnico di Losanna il frutto ha proprietà taumaturgiche finora insospettabili

Scoperto l'elisir di lunga vita nel Melograno

I ricercatori del Politecnico federale di Losanna (EPFL) hanno scoperto che una molecola del melograno, trasformata dall’intestino, permette di lottare efficacemente contro la senescenza muscolare. I risultati sono definiti “spettacolari”. Lo studio è stato pubblicato da “Nature Medicine”.

Con l’invecchiamento, i mitocondri delle cellule, che funzionano come generatori in miniatura di energia, perdono progressivamente la loro efficacia. Il loro cattivo funzionamento si ripercuote negativamente sull’attività muscolare. Un gruppo di ricercatori dell’EPFL, fra i quali il suo ex presidente Patrick Aebischer, nonché la società Amazentis, sono all’origine di una scoperta spettacolare, afferma oggi il Politecnico in un comunicato.

La scoperta è avvenuta analizzando il melograno

La scoperta è avvenuta analizzando il melograno, e più precisamente una molecola del frutto. Dopo essere stata trasformata dalla flora batterica intestinale, la molecola in questione, l’urolitina A,, è in grado di ripristinare il funzionamento dei mitocondri difettosi, affermano gli autori dello studio. Sul verme nematode C. elegans, la molecola ha prolungato la sua durata di vita di oltre il 45%.

Il test è poi stato condotto sui topi e sui ratti.

“I topi senior, di circa 2 anni, hanno dimostrato capacità di resistenza alla corsa superiori del 42% rispetto al gruppo di controllo”. Il fatto che due specie estremamente lontane una dall’altra reagiscano in modo analogo alla medesima sostanza “dimostra che si tratta di un meccanismo essenziale alla vita”, sottolinea il co-autore dello studio Johan Auwerx, citato nel comunicato. È dunque molto probabile che il meccanismo funzioni anche per l’uomo, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”.

L’urolitina A non è direttamente contenuta dal melograno

L’urolitina A non è direttamente contenuta dal melograno, ma si tratta di un precursore le cui concentrazioni dipendono dalla flora intestinale di ogni singolo individuo, umano o animale, sottolineano i ricercatori. Lo studio ritiene che l’approccio nutrizionale costituisca una “quasi rivoluzione”, o perlomeno “un vero e proprio cambiamento di paradigma scientifico”. Aiutando il corpo a rigenerarsi da solo, “l’urolitina A potrebbe riuscire là dove i candidati dei gruppi farmaceutici hanno fallito”. L’approccio nutrizionale, il cui obiettivo è di curare o prevenire patologie per mezzo di nutrimenti “migliorati”, è al centro delle attuali strategie dei grandi gruppi industriali e farmaceutici.


Autore

Potrebbe interessarti...