La scomparsa delle Api

Il declino globale dell’impollinatore, per lo più le API e altri insetti, potrebbe causare morti aggiuntive fino a 1,4 milioni all’anno, un aumento...

La scomparsa delle Api

Il declino globale dell’impollinatore, per lo più le API e altri insetti, potrebbe causare morti aggiuntive fino a 1,4 milioni all’anno, un aumento di quasi del 3% di mortalità globale, secondo i ricercatori. Questo aumento della mortalità risulterebbe dalla combinazione di un aumento di vitamina A e carenze di folati (vitamina B9 o acido folico), vitale per le donne incinte e bambini e un’aumentata incidenza di malattie non trasmissibili, quali malattie cardiache, incidenti vascolari cerebrali (CVA) e determinati cancri. Questi sono i fenomeni che causano un crollo della popolazione di impollinatori attraverso modifiche dietetiche.

Carenze di vitamina A e di folato possono colpire gli occhi, che possono causare cecità e malformazioni del sistema nervoso. Questi effetti sulla salute influirebbe sui paesi sia sviluppati che in via di sviluppo, secondo l’analisi pubblicata giovedì sulla rivista medica The Lancet. In uno scenario di completa eliminazione degli impollinatori, 71 milioni di persone nei paesi a basso reddito potrebbe trovarsi privi di vitamina A e 2,2 miliardi, che già hanno un’alimentazione inadeguata, vedrebbe i loro apporti vitaminici a essere ridotti ancora.

Infatti, sono 173 milioni persone che si troverebbero carenti di folati e 1,23 miliardi di persone che vorrebbero vedere il loro consumo insufficiente deteriorarsi ulteriormente. La perdita del 100% di «servizi di impollinazione» potrebbe ridurre la produzione globale dei frutti del 22,9%, delle verdure del 16,3% e del 22,9% dei semi, ma con differenze a seconda del paese.

Insomma, questi cambiamenti dietetici potrebbero aumentare la mortalità annua globale a causa di malattie non trasmissibili e quelli legati alla malnutrizione con 1,42 milioni di decessi l’anno (+ 2,7% mortalità globale annua), secondo lo studio condotto dal Dr. Samuel Myers (Boston, USA, Harvard TH Chan School).

Una perdita del 50% i servizi di impollinazione ammonterebbe a metà (700mila) della mortalità aggiuntiva che comporterebbe la totale abolizione degli impollinatori, secondo queste stime.

Un altro studio, pubblicato in “The Lancet Global Health”, quantifica una minaccia specifica, fino ad allora mai misurata per la salute globale da emissioni di anidride carbonica (CO2) dall’attività umana. Secondo il secondo studio, la riduzione del contenuto di zinco delle colture alimentari importanti in relazione all’incremento nelle concentrazioni di CO2 nell’atmosfera esporrà a rischio di carenza di zinco (crescita stentata, problemi al sistema immunitario, morti premature) 138 milioni più persone nel mondo entro il 2050.

Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, le api sono patrimonio di tutti, agricoltori, consumatori e cittadini, e si sono trasformate in uno strumento per interpretare diversamente il mondo che ci circonda. E così, oltre a dare un apporto economico quali impollinatori, di produttori di alimenti e di agenti della conservazione ambientale, sono diventate un simbolo della cultura della non violenza.

L’ape è diventata un soggetto politico, un simbolo di resistenza e di affrancamento dalle prevaricazioni. Rispettare le api vuol dunque dire rispettare l’ambiente, quindi tutti gli insetti e le altre forme di vita animali e vegetali. Per queste ragioni diventa importante agire con consapevolezza, quindi anche scegliere se e come effettuare un trattamento chimico, assumendosi le responsabilità derivanti dalle eventuali conseguenze sull’ambiente e sulle altre forme di vita.


Autore

Potrebbe interessarti...