Salute News, il parassita del bacio arriva in Europa

Il morbo di Chagas anche in Europa. L’allarme che arriva dalla UK sul mortale “parassita del bacio” che si insinua nei letti e morde il viso nelle...

Il morbo di Chagas anche in Europa. L’allarme che arriva dalla UK sul mortale “parassita del bacio” che si insinua nei letti e morde il viso nelle ore notturne. Riceviamo e pubblichiamo.

Un succhia sangue che si insinua nelle camere da letto e diffonde una malattia mortale attraverso un morso sul viso e il rilascio delle proprie feci intorno agli occhi e alla bocca si starebbe diffondendo anche in Europa.Sembra il trailer di un film dell’orrore, ma è quanto apparso su alcuni media britannici che hanno rilanciato l’allarme di alcuni esperti, sulla possibile diffusione del morbo di Chagas e che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ritiene utile riportare anche in Italia per la giusta e preventiva sensibilizzazione delle autorità sanitarie europee e nazionali.

Conosciuto come il killer silenzioso, perché i sintomi sono spesso troppo difficili da diagnosticare nelle fasi iniziali, la malattia di Chagas è diffusa attraverso un insetto che trasmette un’infezione parassitaria che può portare a gravi complicazioni cardiache e intestinali nell’uomo e persino la morte.I succhia-sangue mordono i volti delle persone durante la notte e trasmettono attraverso le feci di un vettore invertebrato, in genere una cimice, un protozoo noto con il nome scientifico di Trypanosoma cruzi che è l’unico tripanosoma umano che viene trasmesso, per l’appunto, attraverso le feci del vettore invertebrato che infestano il viso nelle zone intorno agli occhi e della bocca dell’uomo.In origine era stato identificato in Brasile, e ora si stima colpisca almeno 8 milioni di persone nel mondo.

Il parassitologo Charles Ebikeme, un ufficiale scientifico del Consiglio dell’International Social Science dell’UNESCO, ha detto che “negli ultimi anni, è diventato più evidente che il Chagas non è più limitato solo alle Americhe. Lo è stato per qualche tempo – ma ora laChagas è diffusa in altri continenti, e l’Europa è il suo più recente approdo”.Recentemente, i ricercatori presso il centro per l’epidemiologia clinica e biostatistica britannico ha rivelato, come detto, che le cimici possono trasmettere il Trypanosoma cruzi, l’agente infettivo parassita che causa la malattia di Chagas.

Hanno scoperto che le cimici dei letti possono trasmettere il parassita nello stesso modo con cui gli esseri umani sono solitamente infettati. Questi insetti si nutrono di sangue, e si nascondono nelle crepe e fessure delle case in attesa della notte.La malattia può anche diffondersi attraverso le trasfusioni di sangue, trapianti d’organo ed il trasferimento congenito da madre a figlio, come ha esplicitato il Centro Europeo per il controllo delle malattie al raduno annuo di esperti di medicina tropicale lo scorso novembre.

Il dottor Ebikeme ha tenuto a ricordare che “il primo caso segnalato di Chagas in Europa è stato nel 1981 e da allora casi sporadici sono stati rilevati in diversi paesi europei. “A partire dal nuovo millennio i numeri dei casi segnalati sono aumentati, particolarmente in Spagna, Italia e Svizzera. “Alcuni paesi europei hanno lentamente iniziato a riconoscere questo crescente problema di salute pubblica, e sono stati attuati alcuni cambiamenti nelle politiche sanitarie”. Alcuni, ma non in tutti i paesi europei hanno implementato misure nazionali o regionali per controllare la trasmissione, ma molti stati non hanno ancora alcuna legislazione circa la malattia di Chagas entro i loro confini. “Per il rischio di infezione tramite trasfusioni di sangue, sette paesi europei – Francia, Italia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito – hanno già attuato, o sono in fase di modifica raccomandazioni per migliorare la rilevazione dei casi di infezione. “Ma nessun paese europeo ha una politica di salute specifici contro il rischio di infezione da trapianti degli organi”.

Carlos Chagas fu il medico brasiliano che per primo descrisse la malattia, chiamata anche tripanosomiasi americana, nel 1909, quando fu inviato in una piccola città chiamata Lassance per combattere un’epidemia di malaria. Lo stesso studioso evidenziò un’infestazione peculiare di un insetto in case rurali e vide che aveva morso le persone intorno alla loro bocca e gli occhi – da qui il suo soprannome ‘insetto del bacio’. Chagas scoprì più tardi che l’insetto era un parassita che poteva essere trasmesso ad altri animali come le scimmie, attraverso i suoi morsi. E sospettò che essa poteva anche causare la malattia negli esseri umani.


Autore

Potrebbe interessarti...