Paesi Bassi: un antitumorale a rischio cancerogeno

Dai Paesi Bassi: un antitumorale a rischio cancerogeno. L’adriamycina o doxorubicina è prescritta per i tumori della mammella e del polmone. Riceviamo e...

Dai Paesi Bassi: un antitumorale a rischio cancerogeno. L’adriamycina o doxorubicina è prescritta per i tumori della mammella e del polmone. Riceviamo e pubblichiamo.

Il Consiglio della Sanità olandese, un organismo scientifico indipendente che fornisce pareri consultivi al governo e al parlamento del paese, ha consigliato al ministero degli Affari sociali e del Lavoro, d’includere l’adriamycina (commercializzato in quel paese come doxorubicina o Rubex) nell’elenco dei prodotti considerati cancerogeni.Secondo gli esperti, la produzione, la somministrazione e la successiva pulizia dei resti del farmaco e del materiale utilizzato per produrlo -sul personale non qualificato “aumenta il rischio di sviluppare il cancro.” Il più pericoloso è la manipolazione degli ospedali e della produzione . Anche se i membri del Consiglio superiore di sanità non parlano di percentuali “mancano ancora dati sulla sperimentazione animale e studi clinici,” raccomandano di aggiungere l’adriamycina nella cosiddetta categoria 1B.  Questa classificazione è stata istituita dalla Commissione Salute dell’Unione europea per includere in essa le “sostanze in grado di provocare il cancro “.  In Categoria 1A includere quegli altri noti composti “cancerogeni per l’uomo”. “Mentre gli studi epidemiologici ad oggi sono inconcludenti, noi abbiamo prove sufficienti sugli animali che l’adriamycina è cancerogena”, dicono gli esperti dell’ente olandese. Nella relazione che è stata presentata al governo hanno spiegato che l’esposizione del personale medico può avvenire per contatto (attraverso la pelle), ingestione o inalazione.  “I luoghi probabili sono durante la movimentazione nelle farmacie e negli ospedali, o laboratori di ricerca.”L’adriamycina viene somministrata nella chemioterapia endovenosa volta a ostacolare la crescita e la diffusione delle cellule tumorali nel corpo.

  E ‘classificato come un antibiotico antitumorale, e tra gli altri, viene usato contro il cancro al seno, ovaie, utero, vescica, tiroide, stomaco, fegato, polmone, pancreas, prostata, malattia di Hodgkin e alcune leucemie.  È noto che il suo uso può influenzare danni cardiaci, tessuti in caso di dispersione dalle vene, e aumentare la possibilità di sviluppare diversi tumori trattati alla fonte.  Quest’ultima circostanza talvolta accade con altri trattamenti. L’analisi è stata effettuata su richiesta del Ministero degli Affari Sociali che volevano conoscere il rischio di esposizione professionale, e le concentrazioni di sostanze pericolose.  Data la mancanza di test di laboratorio, il Consiglio della sanità non è stato in grado di stimare il numero annuo di tumori che potrebbero derivare dal contatto con adriamycina.  Gli Affari Sociali dovranno ora riferire alle diverse autorità sanitarie olandesi.Sembra un paradosso che un antitumorale venga classificato a sua volta come cancerogeno, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Fatto sta che alla luce di quanto segnalato in Olanda, è necessario un urgente approfondimento da parte delle autorità sanitarie europee e nazionali per verificare se i pericoli segnalati siano fondati o meno.


Autore

Potrebbe interessarti...