NVIDIA richiama i tablet per pericolo di incendio ustioni

NVIDIA sta provvedendo a richiamare NVIDIA Shield Inc, la console portatile, basata sul sistema operativo per dispositivi mobili Android, con schermo da 8 pollici...

NVIDIA sta provvedendo a richiamare NVIDIA Shield Inc, la console portatile, basata sul sistema operativo per dispositivi mobili Android, con schermo da 8 pollici venduta nel corso dell’ultimo anno. Potenzialmente la batteria crea dei problemi di surriscaldamento che potrebbero rivelarsi pericolosi: troppo perché i tablet videoludici rimangano in circolazione.

La batteria, ha rilevato l’azienda, rischia di surriscaldarsi in maniera anomala e pericolosa. Per questo motivo NVIDIA invita tutti gli utenti a “interrompere l’uso del tablet, fatta eccezione per quanto necessario per partecipare alle operazioni di richiamo e per il backup dei dati”. I dispositivi in oggetto sono quelli venduti tra il mese di luglio 2014 e il mese di luglio 2015 (in Italia il tablet è stato reso disponibile da agosto 2014), il cui numero di modello sia P1761, P1761W e P1761WX e il cui numero di serie sia compreso fra 0410215901781 e 0425214604018.

Per verificare se il proprio dispositivo sia fra quelli afflitti dal problema è sufficiente controllare sulla confezione o sul lato sinistro della macchina. Per accertarsi che la batteria sia o meno fra quelle problematiche è possibile altresì verificare fra le impostazioni, una volta assicurati che il sistema sia stato aggiornato almeno alla release datata 1 luglio: se il tipo di batteria indicato è classificato come Y01 è necessario procedere alla richiesta di sostituzione.

La procedura di sostituzione non comporta costi per l’utente, e NVIDIA assicura che verrà loro recapitato “un tablet identico, ma con una batteria differente”. Il forum di supporto già si sta confrontando con le domande degli utenti, mentre il numero di riferimento per l’assistenza dall’Italia è 800-788-031. I clienti che hanno acquistato questo articolo, riferisce Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono pregati di non utilizzare il prodotto. Foto Mashable.


Autore

Potrebbe interessarti...