Lampedusa: naufraga barcone di clandestini, almeno novanta vittime

LAMPEDUSA – E’ una vera e propria tragedia quella che oggi giovedì 3 ottobre ha sconvolto l’isola di Lampedusa, ormai tristemente al centro...

Strage clandestini lampedusa

LAMPEDUSA – E’ una vera e propria tragedia quella che oggi giovedì 3 ottobre ha sconvolto l’isola di Lampedusa, ormai tristemente al centro delle cronache italiane per i diversi sbarchi di clandestini. Sbarchi che il più delle volte si tramutano in naufragi, lasciandosi dietro vite spezzate e speranze destinate a infrangersi.

E’ il caso di quanto avvenuto oggi a poca distanza dalla costa dell’Isola dei Conigli, dove un barcone con a bordo oltre 500 persone è naufragato dopo aver preso fuoco. Secondo le prime ricostruzioni l’incendio sarebbe stato provocato dagli stessi profughi,per la maggior parte somali ed eritrei, i quali avrebbero dato fuoco ad una coperta nel tentativo di farsi notare.

Una mossa decisamente sbagliata dal momento che il fuoco si sarebbe propagato subito sul barcone sul quale, a causa di una perdita di carburante, si sarebbe scatenato un incendio.

Da quel momento molti migranti si sarebbero gettati in acqua per trarsi in salvo, mentre il barcone prendeva fuoco e si capovolgeva. Il risultato però è una vera e propria strage: i soccorritori hanno al momento recuperato 94 corpi, mentre ci sarebbero almeno 250 dispersi. Sarebbero invece 151 le persone tratte in salvo, attraverso il cui racconto si è potuti arrivare ad una parziale ricostruzione dei fatti.

Al momento l’isola è in fermento, tra le operazioni di soccorso e la disperazione di quelle persone che salite a bordo per farsi una nuova vita, hanno invece dovuto fare i conti con la morte delle persone a loro care. Una tragedia immane, l’ennesima di una serie che non si sa come e quando avrà una fine.


Autore

Potrebbe interessarti...