Il rumore del traffico fa ingrassare

Vivere accanto a una strada trafficata potrebbe aumentare il rischio di obesità: lo dimostra il primo studio sugli effetti dell’inquinamento acustico sulla...

Il rumore del traffico fa ingrassare

Vivere accanto a una strada trafficata potrebbe aumentare il rischio di obesità: lo dimostra il primo studio sugli effetti dell’inquinamento acustico sulla vita. Gli scienziati hanno svolto una ricerca a proposito dell’inquinamento acustico di queste strade con traffico elevato ed i suoi effetti. Infatti, il rumore impedisce o interrompe il sonno di questi residenti che si sentono più stanchi e sfiniti di quando si è andati a letto. Per questo motivo il sonno non solo non è stato riposante, ma ha creato un senso di sfinitezza durante il giorno tanto da non avere l’energia per allenarsi. Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal, sostiene che lo stesso dato viene sostanzialmente confermato con le persone che vivono nei pressi di un aeroporto. Di fatto hanno più probabilità di soffrire di sovrappeso a causa dei problemi di inquinamento acustico. Andrei Pyko, autore principale dello studio del Karolinska Institute della Svezia, una università medica svedese nella città di Solna, spiega che il rumore del traffico è un comune inquinamento ambientale che aumenta a causa dell’urbanizzazione.

“L’impatto del rumore sulla salute è molto vario, ma i problemi principali sono correlati al sonno, che provoca cambiamenti nei livelli di ormoni dello stress e ha effetti negativi sul sistema cardiovascolare”, aggiunge il dottor Pyko. I risultati suggeriscono anche che il rumore del traffico può anche interessare il sistema metabolico, che potrebbe portare a obesità e diabete di tipo 2. “Il rumore del traffico può influenzare le nostre funzioni cardiovascolare e metaboliche attraverso i disturbi del sonno, stress cronico”. “Il sonno è un modulatore del rilascio di ormoni, della regolazione del glucosio e della funzione cardiovascolare”. “Disturbi del sonno possono pertanto influire sulla funzione immunitaria, influenzare il controllo dell’appetito e l’energia spesa.” In somma, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” una notte più breve può influenzare l’appetito e il dispendio energetico promuovendo a sua volta l’obesità.


Autore

Potrebbe interessarti...