Gabriela Mistral e la sua poesia ricordata nel 126° anniversario della nascita con un doodle da Google

“Dove c’è un albero da piantare, piantalo tu. Dove c’è un errore da correggere, correggilo tu. Dove c’è uno sforzo da fare e che tutti...

FOTO Gabriela Mistral e la sua poesia ricordata nel 126° anniversario della nascita con un doodle da Google

Dove c’è un albero da piantare, piantalo tu. Dove c’è un errore da correggere, correggilo tu. Dove c’è uno sforzo da fare e che tutti schivano, fallo tu. Siate voi che sposta la pietra dal cammino” – Frase famosa di Gabriela Mistral.

La poetessa cilena Gabriela Mistral viene ricordata oggi con un doodle su Google. Nata il 7 aprile 1889 a Vicuña in Cile, la poetessa, insegnante e femminista cilena, è stata la prima donna latinoamericana a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1945. Nel doodle vengono riportate due sue famose frasi in spagnolo: “Dame la mano e danzaremos” (dammi la mano e balleremo) e “dame la mano y me amaras” (dammi la mano e mi amerai). Oggi, martedi’ 6 aprile 2015 si festeggia il 126esimo anniversario della sua nascita con il doodle seguente:

Gabriela Mistral e la sua poesia ricordata nel 126° anniversario della nascita con un doodle da Google

Gabriela Mistral e la sua poesia ricordata nel 126° anniversario della nascita con un doodle da Google

Gabriela Mistral fu insegnante di un altro famoso poeta cileno, Pablo Neruda. E’ stata la protagonista del doodle odierno ad averlo incoraggiato ad intraprendere la carriera artistica. Pensate che il nome Gabriela Mistral e’ pseudonimo di Lucila de María del Perpetuo Socorro Godoy Alcayaga, e la scelta di questo pseudonimo sta nell’unione dei nomi dei suoi due poeti preferiti, ossia Gabriele d’Annunzio (Pescara, 12 marzo 1863 – Gardone Riviera, 1º marzo 1938) e Frederic Mistral (Maillane, 8 settembre 1830 – Maillane, 25 marzo 1914).

Gabriela Mistral (muore a New York il 10 gennaio 1957 all’eta’ di 68 anni) ha pubblicato nel corso della sua vita, centinaia di articoli in periodici e giornali, praticamente di tutti quelli dei Paesi di lingua Spagnola. E’ stata anche console del Cile, dal 1932 fino alla sua morte, arrivando a svolgere questo compito nelle città di Napoli (Italia), Madrid (Spagna), Petrópolis (Grecia), Nizza (Francia), Lisbona (Portogallo), Los Angeles e Santa Barbara (Stati Uniti), Veracruz (Messico), Rapallo e ancora Napoli (Italia) e, per finire, New York.


Autore

Potrebbe interessarti...