Francia: negata la sepoltura di un bambino rom dal sindaco di Champlan (Essonne)

Intolleranza e razzismo in Europa. Negazione della sepoltura di un bambino rom in Francia: vergogna ed emozione. Riceviamo e pubblichiamo. La crisi economica ed...

Intolleranza e razzismo in Europa. Negazione della sepoltura di un bambino rom in Francia: vergogna ed emozione. Riceviamo e pubblichiamo.

La crisi economica ed il crescente sentimento di paura verso il diverso” sta aumentando in tutta Europa il numero di episodi di razzismo, tanto da richiedere, per Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, l’adozione di misure anche a livello legislativo per fermare quest’ondata di odio anche attraverso leggi che puniscano ancor più severamente chi manifesta apertamente xenofobia e discriminazioni di questo tipo infliggendo la giusta pena principalmente ai rappresentanti del popolo che si fanno portatori di questi concetti d’intolleranza. L’ultimo eclatante fatto è accaduto in Francia, dove parecchi rappresentanti politici hanno espresso la parola “vergogna” e l’emozione è stata intensa, dopo la decisione del sindaco di Champlan (Essonne), Christian Leclerc, di rifiutare la sepoltura nel cimitero della sua città di un bambino rom che è morto il giorno dopo Natale, per carenza di “posti”. “Abbiamo pochi posti disponibili,” avrebbe semplicemente affermato mercoledì, secondo l’intervista riportata da Le Parisien. “La priorità è data a coloro che pagano le tasse locali”. Da allora, il sindaco di destra, cavaliere della Legione d’onore dal 1° gennaio 2012, non ha più parlato.Secondo Loïc Gandais, Presidente dell’associazione di solidarietà per le famiglie rumene e rom (ASEFRR) nel dipartimento Essonne, quello del sindaco “È razzismo, xenofobia e va stigmazzato”.

Secondo l’ASEFRR, la bambina, nata 14 ottobre 2014 e chiamata Maria Francesca, morì nella notte del 25-26 dicembre. “La madre voleva allattarla alle 05.00 e la bambina era fredda. Era morta”, ha detto Marie-Hélène Brelaud, membro dell’associazione, che segue la famiglia da “otto anni”. La piccola è stata poi trasportata in un ospedale di Corbeil-essonnes, dove la morte è stata ufficialmente dichiarata il 26 dicembre, ha aggiunto. Due medici hanno spiegato alla famiglia, alla presenza della Brelaud, che era morto di morte infantile improvvisa. Su richiesta della famiglia, una ditta di pompe funebri di Corbeil-essonnes ha chiesto all’autorità del comune di seppellire l’infante nel cimitero di Champlan. Il sindaco ha rifiutato. E non ha dato “alcuna spiegazione, ha detto alla AFP Julien Stefano, manager della ditta Lescarcelle a Corbeil.

La bambina sarà finalmente sepolta lunedì a Wissous, vicino Champlan. “A una madre che ha portato in grembo un bambina per nove mesi e che l’ha persa dopo due mesi e mezzo, non può essere aggravato il suo dolore”, ha detto alla AFP il sindaco dell’UMP di Wissous.”Perdere un bambino è un dolore universale. Vedergli negato una sepoltura è un’umiliazione disumana “ha twittato il Segretario di stato per la famiglia, Laurence Rossignol. Alexis Barberini, MP (PS) in Hauts-de-Seine e Nathalie Goulet, senatore (Unione delle carbossimetilazioni indipendenti) del Orne hanno espresso la loro “nausea” e Ian Brossat, assistente (PCF) sindaco di Parigi, la sua ‘vergogna’ su Twitter.

Il Presidente della Licra (Lega internazionale contro il razzismo e l’antisemitismo) Alain Jakubowicz ha bollato l’episodio con la parola “razzismo” e ha affermato di valutare azioni legali. Dalla sua parte la ASEFRR ha dichiarato per bocca del presidente Gandais che “Sull’aspetto morale, è assolutamente contestabile, ma legalmente, non possiamo fare molto”. Per la legge francese i parenti di una persona deceduta devono chiedere il permesso di sepoltura al sindaco del comune del cimitero prescelto. Esso può essere sepolto nella città dove ha vissuto, in cui morì, o dove c’è una cappella di famiglia. In altri casi, i sindaci possono opporsi alla sepoltura.

Secondo la signora Brelaud, la famiglia della bambina vive in Francia “da almeno otto anni”. I genitori che non vogliono parlare, hanno entrambi  “circa 35 anni”. Hanno due figli, di 5 e 9 anni, residenti a Champlan. La madre ha già perso due ragazzi in giovane età in Romania. La famiglia ha vissuto all’ingresso della città, in una baraccopoli nei pressi di una piccola fabbrica chiusa senza acqua ed elettricità, circondata da campi e superstrade quasi alla fine delle piste dall’aeroporto di Orly.


Autore

Potrebbe interessarti...