Epidemia mortale tra i lavoratori nei campi di canna da zucchero in America centrale

Epidemia mortale tra le canne da zucchero. L’insufficienza renale subita dai lavoratori nei campi di canna ha causato più di 24.000 morti in America centrale....

Epidemia mortale tra le canne da zucchero. L’insufficienza renale subita dai lavoratori nei campi di canna ha causato più di 24.000 morti in America centrale. Le cattive condizioni di lavoro tra le possibili cause, ma i governi non hanno preso provvedimenti. Riceviamo e pubblichiamo.

Siamo nel bel mezzo del periodo del raccolto in America Centrale. Le temperature nei campi di canne sono di solito tra i 32 e i 40 gradi, e l’umidità relativa può raggiungere il 75%.  Nel mulino di San Antonio in Chichigalpa, il più grande del Nicaragua, più di duemila operai tagliano la canna da zucchero col machete dalle prime ore del mattino. I reni di molti di loro cominciano a manifestare deficit. Lo stesso è accaduto a centinaia di persone nelle loro famiglie e tra i loro compagni, metà uomini di Chichigalpa; e 24.000 morti, nel silenzio delle istituzioni internazionali, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si sono registrati negli ultimi dieci anni in questa regione.Lentamente, questa misteriosa epidemia d’insufficienza renale cronica (IRC), che colpisce la costa del Pacifico centrale, ha falcidiato gli agricoli stagionali, soprattutto tagliatori di canna da zucchero. Una buona parte di loro a Chichigalpa. Nel resto del mondo, le cause della IRC sono spesso il diabete e l’ipertensione. Non qui, tra la canna da zucchero. Qui addirittura le è stato dato il nome di “nefropatia mesoamericana di origine sconosciuta”.  Ma un recente articolo pubblicato sull’International Journal of Occupational and Environmental Health dal dottor Daniel Brooks, della School of Public Health della Boston University, ha rivelato che almeno uno dei fattori principali che contribuiscono alla incidenza della malattia in la regione è un lavoro faticoso a temperature elevate praticata nei mulini. La prova è “il fatto che la funzionalità renale è stata ridotta nella maggior parte dei tagliatori, irrigatori e tagliatori di canna, rispetto ai lavoratori delle fabbriche,” sottolinea Brooks, che ha guidato il team di ricerca IRC in Nicaragua.

“Lo stress determinato dal calore è un fattore che contribuisce, probabilmente in combinazione con uno o più fattori professionali o non professionali”. Uno studio rivelerebbe che le alte temperature sono un fattore importante.In assenza di ulteriori ricerche su altri fattori, come l’esposizione a pesticidi e altre sostanze chimiche, effetti collaterali dei farmaci o di presenza della malattia negli adolescenti, l’evidenza dallo studio della scuola di Boston rappresenta una piccola spinta alle richieste di operatori, e dei pazienti IRC, che si sono rivolte ai rappresentanti degli imprenditori dello zucchero e responsabili politici.

La paura di essere costretti ad assumersi la responsabilità di risarcire le famiglie delle vittime ha spinto i più grossi gruppi di produttori ad offrire forme di aiuto palliative come buoni pasto, borse di studio e altri vantaggi. Ma non hanno soddisfatto le principali richieste dei lavoratori. Nel frattempo, il governo sandinista tace su un problema che è particolarmente scomodo.L’anno scorso, è stato battuto nel paese un record di produzione: ben otto milioni di tonnellate.

I due principali acquirenti di zucchero sono gli Stati Uniti ed il Venezuela, oltre l’Unione europea e altri paesi della regione.

La Banca Mondiale ha finanziato l’attività per l’espansione delle colture di canna da zucchero, al fine di aumentare l’esportazione di bioetanolo. L’IRC è registrata come una delle cause di morte (si stima che ci sono quattro morti ogni settimana).

Negli ultimi anni è raddoppiato il tasso di mortalità degli uomini.  Ad ogni donna deceduta, ci sono sei uomini, per lo più contadini in età lavorativa.La città ha dovuto aprire un nuovo cimitero. L’amministrazione comunale fornisce tombe gratuite alle famiglie bisognose. Non esiste una cura e nella sua fase acuta, necessita sedute di dialisi (di solito tre volte la settimana), che costano 140 dollari ciascuna. Il trapianto di rene, nel caso si sia trovato un donatore ideale costa circa $ 14.000 quando lo stipendio medio è di 100 dollari al mese.

Tutto ciò rende la diagnosi di IRC quasi una condanna a morte per i lavoratori che non riescono a vivere con 100 dollari al mese nel migliore dei casi.Anche se, per anni, i zuccherifici hanno dichiarato che l’epidemia di IRC è “multicausale ‘e non si possono accusare direttamente le condizioni di lavoro, i lavoratori hanno sempre sospettato che il male era lì, tra le canne. Come dimostra ora lo studio condotto da Brooks, lo hanno ripetuto centinaia di volte i pazienti IRC.

In altri forum internazionale di salute, si è diffuso l’allarme per l’epidemia di IRC.  Alla fine del 2013, la Pan American Health Organization (OPS) ha invitato i governi della regione a prendere atto che la malattia costituisce un problema di sanità pubblica urgente e grave, tenuto conto “la sua alta incidenza, prevalenza e mortalità e l’assistenza sanitaria non sono soddisfacenti, e l’onere per le famiglie stesse, le comunità, i sistemi sanitari e della società in generale”.

Attualmente, in Nicaragua, uno dei paesi più colpiti, il Ministero della Salute non vuole governare.Lo studio condotto dalla Boston University non esclude l’incidenza di altri fattori professionali e non professionali, ma si sarebbe combinato con condizioni di lavoro nel zuccherificio.


Autore

Potrebbe interessarti...