Cattolici più ambientalisti grazie all’enciclica papale

Un recente sondaggio condotto nel Regno Unito da YouGov, credibile società di rilevazioni, focalizzatosi sul rapporto tra povertà e cambiamenti climatici mostra...

Un recente sondaggio condotto nel Regno Unito da YouGov, credibile società di rilevazioni, focalizzatosi sul rapporto tra povertà e cambiamenti climatici mostra che l’enciclica papale sull’ambiente, attesa per giugno, potrebbe spingere più di 1/3 dei cattolici ad acquisire comportamenti più sostenibili per l’ambiente. Un dato clamoroso secondo cui il 33% dei cattolici nel Regno Unito, afferma che potrebbe cambiare il proprio stile di vita, rendendolo più sostenibile per l’ambiente se il Papa facesse una dichiarazione ufficiale sul cambiamento climatico. Il sondaggio è stato pubblicato dall’organizzazione cattolica per lo sviluppo, Cafod, parte di Caritas International.

Inoltre il rapporto riporta che il 72% dei cattolici intervistati in Inghilterra e Galles, ha dichiarato di essere preoccupato per gli effetti devastanti che il cambiamento climatico sta avendo nelle parti più povere del mondo e il 76% ha dichiarato di sentire l’obbligo morale di aiutare le popolazioni più colpite. Concretamente, dal sondaggio sembra che l’enciclica potrebbe spingere 1/3 dei cattolici ad adottare comportamenti più “sostenibili”, come aumentare la raccolta differenziata, rinunciare all’auto e utilizzare i mezzi pubblici. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” rileva che si tratta di un importante intervento che ci auguriamo possa influenzare in senso ambientalista non solo tutti i cattolici credenti ma soprattutto i capi di governo che per l’autorità morale da cui proviene il messaggio in questione.


Autore

Potrebbe interessarti...