Attentato Boston: dopo le bombe lettera sospetta inviata ad Obama

STATI UNITI – Ancora non si sa nulla di certo sui mandanti della strage di Boston, che lunedi 15 aprile ha gettato gli Usa nell’incubo terrorismo....

Barack Obama rieletto Presidente degli Stati Uniti

STATI UNITI – Ancora non si sa nulla di certo sui mandanti della strage di Boston, che lunedi 15 aprile ha gettato gli Usa nell’incubo terrorismo. Più volte i media americani hanno chiamato in causa le diverse analogie con l’11 settembre 2001, il giorno che letteralmente ha sconvolto l’America.

A distanza di due giorni dall’esplosione di due ordigni sul traguardo della storica maratona che hanno provocato 3 morti e centinaia di feriti, un’altra notizia scuote gli Stati Uniti.

Secondo fonti dei servizi segreti in data odierna una lettera contenente tracce di ricina, sostanza letale per l’uomo, sarebbe stata inviata al Presidente Usa Barack Obama. Per fortuna però la missiva sarebbe stata intercettata prima che la lettera arrivasse al destinatario.

E a quanto pare il presidente non è stato l’unico bersaglio, infatti, subito dopo l’attentato, il senatore Roger Wicker aveva ricevuto una lettera simile, ma anche in questo caso i propositi dell’attentatore non sono andati a buon fine. Non si sa ancora se questi due episodi sono opera della stessa mano che ha operato nel corso della maratona, ma di certo contribuiscono ad aumentare il clima di allerta che da due giorni si respira nella nazione più potente del mondo.


Autore

Potrebbe interessarti...