Allerta Allergie Alimentari nelle Scuole

Allergologi, serve piano unico nazionale per gestione emergenze.

Oltre una scuola su due (61%) è frequentata da almeno un bambino allergico a rischio di reazione grave di tipo anafilattico e ben il 30% delle reazioni allergiche gravi si verifica proprio a scuola. E’ quanto riferito a Bergamo nel corso del Congresso Nazionale AAITO – Associazione Allergologi Immunologi Territoriali Ospedalieri che lancia un appello alle istituzioni: in Italia è più che mai urgente colmare il vuoto legislativo sulla gestione anafilassi nelle scuole e nei luoghi pubblici.

Le allergie alimentari sono più comuni nei primi 3 anni di vita, ma si possono presentare a qualsiasi età. La maggior parte delle reazioni allergiche è da imputarsi a un numero relativamente piccolo di alimenti: latte vaccino, uovo, soia, grano, arachidi, noci e frutta a guscio, pesce e molluschi.

“L’allergia alimentare costituisce la prima causa di anafilassi in età pediatrica, e nell’ultimo decennio si è osservato un aumento di circa sette volte nei bambini tra zero e quindici anni, rappresenta inoltre la seconda causa di anafilassi nell’adulto – spiega Maria Beatrice Bilò, Presidente AAITO.

Le manifestazioni di anafilassi sono molteplici, e non facilmente riconoscibili, per cui esiste una sottostima dei casi. Negli ultimi anni è aumentata l’incidenza delle allergie alimentari nei bambini in età scolare, rendendo così più probabile che il personale scolastico si trovi a dover gestire studenti a rischio di gravi reazioni; basti pensare alla gestione differenziata del menù della mensa scolastica necessaria quando in classe c’è un bimbo allergico”.

In Italia, manca una normativa precisa a carattere nazionale per la gestione sia ordinaria (nel quotidiano) sia straordinaria (in caso di emergenza e reazione anafilattica) dei bambini allergici nelle scuole, conclude Bilò; AAITO è a diposizione del Ministero della Salute e delle Istituzioni, per esaminare insieme le migliori esperienze gestionali a livello regionale e locale, in modo da studiarne la possibile estensione ad altre regioni e su tutto il territorio italiano.


Autore

Potrebbe interessarti...